Collare & Pettorina

Questa domanda viene posta spesso da chi ha un cane: qualcuno si fa consigliare dal negoziante di fiducia, qualcuno chiede all’allevatore, o al veterinario e qualcuno va a tentativi.

La risposta “giusta” è: dipende.

Non è lo strumento che deve indurre il comportamento corretto, se il cane tira durante la passeggiata non sarà attraverso l’uso di uno strumento piuttosto che un altro che potrò insegnare l’atteggiamento giusto.

Ci sono attività che richiedono necessariamente l’utilizzo di uno specifico e consono strumento: per esempio i cani da slitta dovranno necessariamente utilizzare un imbrago corretto, i cani che partecipano alle competizioni di IGP (utilità e difesa) nella prova di pista utilizzano un collare mentre durante gli allenamenti di attacchi con il figurante utilizzano una pettorina, i cani che nuotano in piscina usano un salvagente, ecc : si tratta di strumenti funzionali all’attività scelta.

Per quanto riguarda la passeggiata quotidiana non c’è uno strumento “corretto” e uno no, tutto dipende da cosa fa il cane ma soprattutto da come il bipede gestisce la situazione.

Il nostro amico a quattro zampe deve imparare a non tirare al guinzaglio a prescindere dallo strumento che lo unisce a noi in quel momento, come si cammina quando si va in giro insieme in passeggiata ma non importa se indossa il collare, la pettorina o un filo!

Ci sono cani più sensibili fisicamente che non amano la pettorina, quindi i proprietari indirizzano la loro scelta verso il collare, altri cani per morfologia (ma più spesso per scelta del proprietario) non indossano il collare ma solo la pettorina.

È consigliabile abituare il cane a indossare qualsiasi strumento, a prescindere da quale usiamo abitualmente, perché potrebbe sempre tornare utile, per motivi di salute o di praticità. Possiamo anche insegnare al cane un comportamento su comando che lo induca ad agevolarci il momento dellavestizione. Questo eviterebbe lo spiacevole atteggiamento, tipico di chi mette il collare o la pettorina, di piegarsi sul cane provocando nell’animale una sensazione negativa e di passività.

Usando un premio, che possiamo tenere in una mano, insegniamo al cane a infilare il muso nel collare, che nel frattempo staremo tenendo con l’altra mano, e lo premiamo ogni volta che il collare arriva ad essere completamente appoggiato sul collo. La stessa cosa possiamo farla con la pettorina, rendendo più semplice al cane (ma anche a noi) questo momento.

Ci sono molti stimoli durante la passeggiata che possono catturare l’attenzione del cane, ed è anche su questo che dobbiamo concentrare il nostro lavoro comunicativo: non solo sul fatto che non tiri.

Durante la passeggiata spieghiamo al cane che si cammina senza tirare: si procede quando il guinzaglio è morbido, non si cammina quando è teso (non arrotoliamo il guinzaglio intorno alla mano e non teniamo il guinzaglio troppo corto), è consigliabile seguire qualche lezione di educazione base da un bravo professionista per imparare al meglio come agire.

Compriamo sempre collari e pettorina della misura corretta, non eccediamo nelle misure su un cane in crescita pensando che “prima o poi gli andrà bene” ed anche nei cani adulti i collari non devono essere larghi tanto da passare dalla testa e sfilarsi.

Prodotti suggeriti

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
  • Registrare

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password